Coinvolte 12 regioni e 20 squadre. Si gioca anche per l’inclusione

Roma, 10 lug. (askanews) – Padel, divertimento, inclusione, sostenibilità. Al Pro Padel Club di Parma è tutto pronto per le finali nazionali della nona edizione della Coppa dei Club MSP, il più grande campionato amatoriale a squadre di padel organizzato da MSP Italia: l’atto finale di una competizione – si legge in una nota – che ha coinvolto, da febbraio, oltre 450 squadre e 10mila atleti, è in programma da venerdì 12 a domenica 14 luglio e può contare sul patrocinio del Comune di Parma e sul contributo della Regione Emilia-Romagna.

Saranno venti le squadre in campo, provenienti da 12 regioni d’Italia, con Friuli Venezia Giulia, Molise, Piemonte e Sicilia che per la prima volta avranno una propria rappresentante nelle finali che lo scorso anno si giocarono a Terni, con la vittoria della Pelota Padel (Latina). Il Lazio, che ha conquistato gli ultimi cinque titoli nazionali, sarà la regione da battere, ma il padel – come dimostrano i dati del World Padel Report diffuso dalla Federazione Internazionale Padel – si è diffuso in tutto il Paese, con l’Italia che è diventata la seconda nazione al mondo per numero di club e campi dove poter praticare il padel, alle spalle della Spagna. Tra i giocatori che parteciperanno alle finali nazionali, anche l’ex calciatore Stefano Morrone, tra i soci del club che ospiterà un evento a cui è legata anche una cena di gala prevista per la serata di sabato 13.

“La finale nazionale della Coppa dei Club è un evento che siamo molto orgogliosi di ospitare – le parole dell’assessore allo sport del comune di Parma, Marco Bosi -. Il padel, infatti, è lo sport con maggiore crescita e ha la capacità di riavvicinare allo sport tante persone che lo avevano abbandonato, con un effetto diretto sul benessere dei cittadini. Eventi come questo hanno soprattutto la forza di generare turismo sportivo: abbiamo infatti stimato quasi 1000 pernottamenti tra atleti, dirigenti e accompagnatori, in un periodo dell’anno in cui la città è meno carica di turisti rispetto ad altri mesi dell’anno. Siamo certi che sarà una grande festa e che Parma, anche grazie allo splendido circolo ospitante, sarà all’altezza delle aspettative dei giocatori”.

A Parma – prosegue la nota – si giocheranno anche le finali di Padel Mixto, evento sostenuto da Fondazione Entain e che vedrà in campo un atleta normodotato in coppia con un atleta con disabilità motoria. “Siamo felici di essere nuovamente al fianco dell’ASD Sportinsieme Roma nella quarta edizione dell’evento nazionale di Padel Mixto – ha dichiarato Giuliano Guinci, Public Affairs, Sustainability & Retail Operations Director del Gruppo Entain in Italia -. Questa iniziativa incarna perfettamente i valori di inclusione sociale che caratterizzano la mission di Entain, e questo è possibile garantendo continuità ai progetti all’interno delle comunità in cui vengono realizzati. Continueremo pertanto a sostenere programmi atti alla creazione di valore sociale condiviso e crediamo fermamente che il Padel Mixto possa diventare un modello di riferimento per altre discipline sportive”.

“Siamo felici di poter celebrare l’ennesimo record della storia della Coppa dei Club: mai, nelle precedenti otto edizioni, alla fase finale avevano preso parte ben 20 squadre, provenienti da 12 regioni – ha spiegato Claudio Briganti, responsabile nazionale padel di MSP Italia -. Disputeremo le finali di Parma su 12 campi, con la competizione di Padel Mixto in contemporanea alla fase nazionale della Coppa dei Club perché nel padel non c’è spazio per le differenze, e il padel è lo sport inclusivo per eccellenza”.

“Un’edizione nel segno della perseveranza – il commento in conclusione di Luca Alessandrini, presidente dell’ASD Sportinsieme Roma, che dal 2021 propone il Padel Mixto -. Giocare sullo stesso campo, con e senza disabilità, non è più solo uno slogan ma una pratica effettivamente condivisa. Un sincero ringraziamento va a coloro che ci sostengono, al nostro main partner Entain Foundation e a MSP che promuove le nostre iniziative”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *