“I cittadini non possono pagare i costi del Giubileo”

Roma, 9 lug. (askanews) – “Chi vive, studia e lavora a Roma è alle prese con i disagi causati dai giusti preparativi in vista del Giubileo. Questa è una ragione in più per scongiurare un incremento del costo del biglietto per spostarsi con i mezzi pubblici. Anzi, la previsione di ulteriori agevolazioni ne incrementerebbe l’uso, contribuendo così alla diminuzione del traffico su strada”. Così i segretari generali regionali di Cgil, Cisl e Uil del Lazio, Natale di Cola, Enrico Coppotelli e Alberto Civica.

“Si può anche condividere l’idea di aumentare il prezzo del biglietto, in linea con le tariffe di molte altre città turistiche italiane – continua la nota – purché questo incremento sia rivolto esclusivamente ai non residenti. Per chi vive, studia e lavora a Roma, invece, proponiamo che vengano estese loro le agevolazioni attualmente previste per gli under 19, sia appunto per incentivare l’uso del trasporto pubblico locale, sia per tutelare il potere d’acquisto dei redditi da lavoro e da pensione erosi da inflazione e caro vita”. “Non possono essere i cittadini di Roma e del Lazio a pagare i costi del Giubileo – concludono i sindacati -. Al contrario, a nostro avviso, devono avere un ristoro per i tanti disagi che stanno vivendo. Ed è per questo che chiediamo non venga applicato alcun aumento al costo del biglietto per i residenti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *